Subscribe:

giovedì 11 settembre 2008

Differenza tra tappetai e mercanti



Il segreto che sta alla base del Successo lavorativo è quello di fare un lavoro che piace. Nessuno rende bene se deve fare un cosa che non lo interessa. Per lavorare meglio e dare il meglio di se, serve quindi motivazione ed entusiasmo. Nei commercianti di tappeti improvvisati (quelli che avevano studiato agraria, farmacia, biologia per poi mettere in piedi un'impresa di tappeti per intenderci) la mancanza di queste attitudini alla vendita del tappeto è sicuramente l'handicap più grande. Non a caso, i più noti e famosi commercianti di tappeti sono anche scrittori di libri, periti di tribunale, studiosi, viaggiatori, e via via. Questo dimostra quanta passione, muove generalmente questo genere di persone, rappresentando al tempo stesso una sicura garanzia per il compratore.
La funzione sociale di un mercante di tappeti, non è quella di un semplice commerciante che vende per profitto. Il mercante di tappeti svolge un ruolo importante, quello cioè di una persona esperta, che utilizzando le proprie capacità, le proprie risorse e le proprie conoscenze nel campo, ricerca e sceglie direttamente nei paesi d'origine i pezzi per le case o per le collezioni della propria committenza, anche quella che deve ancora venire. E' in questo differente spirito che si distingue la differenza tra un tappetaio e un mercante di tappeti . Il primo è solo una persona che vende e tratta i tappeti come patate e che per rinpinguare il suo magazzino alza la cornetta e ordina una partita di tappeti al padre o al grossista che sta in Iran. Il secondo, si reca direttamente in Turchia, in Persia, nel Caucaso, ricerca e sceglie personalmente ogni singolo pezzo, come se lo stesse scegliendo per casa sua o per la sua stessa collezione. E' una visione di vita completamente differente che applicata allo stesso lavoro, determina una differente proposta commerciale e quindi anche un risultato completamente diverso di sviluppo esperienziale. Il gergo "tappetaio" come pure "tappetaro" sono dei neologismi che nel loro significato generalizzante risultano alla categoria quasi dispregiativi se non insultanti, ma che ben calzano per un genere di commercianti del settore che vedono nel tappeto solo un veicolo per "campare" o peggio per arricchirsi.

2 commenti:

freddy ha detto...

perfettamente d'accordo. Ciao Freddy

LeMon ha detto...

ciao,
c'è un premio per il tuo blog che ho deciso di assegnarti.
per maggiori informazioni visita questa pagina del mio blog:
http://kinemacolor.blogspot.com/2008/07/premi.html
a presto
LeMon di Kinemacolor
http://kinemacolor.blogspot.com/