Subscribe:

lunedì 4 gennaio 2010

I Crivelli del Brera


In occasione del suo Bicentenario, la pinacoteca Brera dal 26 novembre 2009 al 28 marzo 2010 presso le sale XIX XX e XXII riunisce ed espone in accordo con altri musei importantissimi le tavole del Crivelli. Accanto a queste tavole sono esposti splendidi esemplari di tappeti orientali, tessuti damascati e ricami, reliquiari e oreficerie, a rappresentare concretamente il repertorio di oggetti preziosi ritratti dall'artista, nei suoi dipinti. I tappeti a disegno Crivelli (insieme ai pollittici ricomposti) sono sicuramente un'occasione ghiotta di raffronto, e di studio per l'appassionato di tappeti. Perchè è proprio attraverso i dipinti rinascimentali che si può ripercorrere e ricostruire il percorso iconografico e stilistico operato dall'annodato orientale in tutti i suoi secoli di storia.

Sopra un tappeto modello Crivelli tratto da: http://maqam-rugs.com/catalog.html


per info sulla mostra: http://www.brera.beniculturali.it/Page/t02/view_html?idp=463

1 commenti:

francesca ha detto...

Ho visto la mostra sul Crivelli a Brera ed è stata un' emozione rara. Ho conosciuto Crivelli grazie a mio padre che, in una visita al museo dell'Accademia a Venezia, me ne indicò uno dicendomi: guarda queste mani, non le dimenticherai più. A casa poi, cercammo immagini nei mitici "I Maestri del colore" e apprezzammo la frutta e i tappeti. Da allora più nessuna traccia di Crivelli sino a quest'anno. Portai anche i miei figli alla mostra, ripetei loro le stesse parole di mio padre, e mi gustai profondamente anche i magnifici tappeti dipinti, non meno belli di quelli veri. Recentemente ad un'altra mostra sul fantasmagorico Rubens (Como, Villa Olmo) ho assaporato i ciuffi di lana di un tappeto piegato, e dipinto in una sua tela. I polpastrelli potevano indovinare le loro scriminature. Chi vuol esser lieto, sia!